Aali Rezaee, un poeta per IranFest

IranFest non è mai stato solo cinema. Nell’ottica infatti di valorizzare la cultura iraniana in tutte le sue forme, quest’anno si è deciso di dare nuovamente spazio alla poesia, da sempre linguaggio che si presta a trasferire le emozioni e lo sguardo degli uomini, così come di un paese.

Se l’anno passato ad essere protagonisti del festival furono i versi della celebre poetessa iraniana Forough Farrokhzad, raccontati attraverso le parole toccanti della professoressa e traduttrice Faezeh Mardani, quest’anno è stato un giovane poeta a prendere la scena, Aali Rezaee, che attraverso un suo componimento – letto per noi dalla sua stessa voce e trasmesso in video durante l’ultima serata dell’evento – ci ha comunicato il suo malessere esistenziale e un senso di disorientamento emotivo, prima che fisico, di fronte ad una realtà non più comprensibile ai suoi occhi e probabilmente anche di fronte ad un amore finito.

Poeta iraniano di 28 anni, laureato in Lingua e Letteratura Persiana, Reazee ha pubblicato un volume dal titolo Excellency, una raccolta di sue poesie su contestazione sociale e amore. Per chi fosse interessato ad entrare in contatto con lui, lo può raggiungere attraverso il suo canale instagram personale (@aali_rezaee).